SPILLO/ Derivati del Tesoro, 4 miliardi persi per una schedina sbagliata?

Stanno emergendo dettagli sulla vicenda riguardante i derivati del Tesoro sul debito pubblico che non sono affatto confortanti, anche per il futuro.

GIANFRANCO D’ATRI

 

“Potevamo noi nel 2013 essere un pochino più svegli? Forse”. La citazione è tratta dall’audizione di Ignazio Visco alla Commissione parlamentare sulle banche [1] e, benché riferita in particolare alla vicenda delle banche risolte, rappresenta bene la posizione di chi ha avuto, e ha ancora oggi, il potere di controllo e gestione dei mercati finanziari, circa le proprie responsabilità. Miliardi e miliardi persi dai cittadini italiani, sia individualmente che come collettività nelle diverse vicende finanziarie degli ultimi anni, sono quindi stati determinati dalla mancanza di qualche buon caffè e da un pisolino di troppo, non dagli errori dei funzionari addetti a svolgere funzioni importantissime.

D’altra parte la Commissione, come ipotizzavamo sin dalla sua istituzione, non è pervenuta a nessun risultato concreto, concentrandosi solamente sulla ricostruzione storica di vari accadimenti e suggerendo, a futura memoria, vari possibili provvedimenti legislativi. Nelle relazioni, sia di maggioranza che di minoranza, manca poi del tutto l’approfondimento del tema della gestione del debito pubblico e dei contratti derivati sottoscritti dall’Italia che stanno determinando costi aggiuntivi annui per decine di miliardi.

A questo punto l’unica fonte di possibile chiarezza rimane il processo presso la Corte dei Conti nei confronti degli ex direttori del Tesoro Cannata, La Via, Grillo e Siniscalchi. Ovviamente il procedimento mira ad accertare le responsabilità ai sensi di legge e a determinare eventuali risarcimenti sul caso specifico della rinegoziazione del contratto con Morgan Stanley. La durata, la possibilità di appello e la complessità del tema ci lasciano pensare che anche in tal caso si approderà a nulla, salvo a farci conoscere meglio l’adeguatezza delle persone cui abbiamo affidato – e ancora hanno in mano – la gestione delle finanze dello Stato. In particolare l’emissione del debito pubblico che, sicuramente, giocherà un ruolo importante nella definizione delle scelte politiche dei prossimi mesi, continuerà probabilmente a essere affidato agli stessi meccanismi.

Il merito della Corte sarà forse quello di far emergere e a farci conoscere compiutamente gli ingranaggi e le forze che hanno determinato, nel tempo, le dimensioni del nostro indebitamento, oltre alle scelte di politica economica.

La difesa del presunto colpevole, la banca beneficiaria Morgan Stanley, affidata a Catricalà, non ha colto l’ironia delle proprie tesi nella recente udienza. L’ex ministro ha giustificato il contratto capestro fatto firmare al Tesoro paragonandolo al Superenalotto: non si annulla la schedina che vince solo perché sfavorevole allo Stato. Quindi, i nostri funzionari di punta – successivamente arruolati proprio dalle grandi banche di affari per queste loro abilità – avrebbero perso 4 miliardi perché giocavano al lotto e puntavano sui numeri sbagliati. Ora capiamo il senso della frase di Visco e perché dormivano più del necessario: speravano di ricevere i numeri giusti nel sogno.

[1] Pag.15 – Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario – Resoconto sommario n. 47 del 30/01/2018.

© Riproduzione Riservata.

 

L’articolo di Gianfranco d’Atri è altresì disponibile sul quotidiano ilsussidiario.net al seguente link:

SPILLO/ Derivati del Tesoro, 4 miliardi persi per una schedina sbagliata?

other posts

No Image
Posted by webStation | 29 April 2020
IMMUNI/ Se la gratuità dell’App non può essere il primo criterio di scelta
Si sta discutendo molto di Immuni, ma poco viene detto sul fatto che la gratuità dell’applicazione non dovrebbe essere il primo criterio di scelta GIANFRANCO D'ATRI Il Governo ha selezionato IMMUNI quale...
No Image
Posted by webStation | 27 April 2020
FINANZA/ I 320 mld che l’Italia può liberare senza aumentare il debito
L’Italia si appresta ad aumentare il debito pubblico per far fronte alla crisi da coronavirus. Eppure avrebbe altre risorse a cui attingere. GIANFRANCO D'ATRI In tempi non sospetti, Mario Esposito...
No Image
Posted by webStation | 26 April 2019
SPILLO/ Il puzzle che mostra come la grande finanza si nutre dell’Italia
L’euro vive, con la garanzia implicita delle riserve auree italiane, e la grande finanza internazionale può ancora sfruttare l’indebitamento del nostro Paese GIANFRANCO D'ATRI     Nella confusione mediatica e...