MPS/ Le manovre di “amichetti” e “furbetti” sulla banca di Siena

La soluzione trovata per Mps, spiega GIANFRANCO D’ATRI, è da “furbetti del giroconto” e ci lascia un patrimonio negativo, mentre la parte ancora sana di Montepaschi finirà “venduta”

 

Si è chiusa la questua governativa denominata Fondo Atlante2, per “salvare” il Monte dei Paschi, che al momento presenta la situazione più grave fra le banche italiane. Con che entusiasmo partecipino le altre banche, tutte bisognose per se stesse, e le assicurazioni, si può valutare dagli importi promessi: poche centinaia di milioni a fronte di crediti eufemisticamente detti non performanti, anziché di dubbio incasso, per miliardi. Tali crediti si sarebbero potuti vendere sul mercato per circa 2 miliardi – il 17% del loro valore nominale -, ma Atlante, le cui spalle possono reggere il mondo, ma le gambe sono esilissime, li pagherà il doppio. A questo punto, perché le Poste, Cassa depositi e prestiti, Generali, Unipol, le altre banche indirettamente li pagano di più? E perché il fondo già costituito Atlante1, interviene con un miliardo? Alla fine si tratta sempre dei prestiti concessi a suo tempo dalla banca senese, si tratta sempre degli stessi debitori e delle stesse garanzie che dentro Mps sono considerati pericolosi per i conti. Ovvio, si diluisce la perdita fra molti soggetti, si rinvia di molti anni la maturazione dell’effettiva contabilizzazione, e una parte consistente delle future minusvalenze resterà a carico di soggetti pubblici, degli investitori e anche dello Stato per le minori tasse che saranno pagate sugli utili. Si aggiungano le laute commissioni agli organizzatori e ai recuperatori che il metodo escogitato genererà, e si comprende perché il salvataggio di un’azienda decotta conviene più di una drastica decisione: il fallimento Questa soluzione, chiara e regolare, unita alle norme europee sul bailin, a suo tempo supinamente accettate, avrebbe generato però vere difficoltà per il governo, e forse avrebbe costretto la magistratura ad approfondire con perizie tecniche le cause della bancarotta. Basterebbe forse, come chiede il giudice Patarnello, almeno verificare quanti mutui senza vere garanzie sono stati concessi ai soggetti verso i quali sono intervenuti sequestri giudiziari. Vendendo i crediti cartolarizzati, si è avviato un mercato di figurine fra istituzioni finanziarie che confonde nello stesso calderone i crediti concessi agli amici, le perizie artefatte, i documenti falsi con le difficoltà economiche di chi ha perso il lavoro e non è in grado di rispettare le scadenze. E probabilmente sarà il piccolo debitore che alla fine pagherà il proprio debito, consentendo ad Atlante di restare in piedi giorno per giorno e di lasciare ignoti i beneficiari dei prestiti non rimborsati.

 

Un nuovo articolo di Gianfranco d’Atri è disponibile sul quotidiano ilsussidiario.net al seguente link:

MPS/ Le manovre di “amichetti” e “furbetti” sulla banca di Siena

other posts

No Image
Posted by webStation | 29 April 2020
IMMUNI/ Se la gratuità dell’App non può essere il primo criterio di scelta
Si sta discutendo molto di Immuni, ma poco viene detto sul fatto che la gratuità dell’applicazione non dovrebbe essere il primo criterio di scelta GIANFRANCO D'ATRI Il Governo ha selezionato IMMUNI quale...
No Image
Posted by webStation | 27 April 2020
FINANZA/ I 320 mld che l’Italia può liberare senza aumentare il debito
L’Italia si appresta ad aumentare il debito pubblico per far fronte alla crisi da coronavirus. Eppure avrebbe altre risorse a cui attingere. GIANFRANCO D'ATRI In tempi non sospetti, Mario Esposito...
No Image
Posted by webStation | 26 April 2019
SPILLO/ Il puzzle che mostra come la grande finanza si nutre dell’Italia
L’euro vive, con la garanzia implicita delle riserve auree italiane, e la grande finanza internazionale può ancora sfruttare l’indebitamento del nostro Paese GIANFRANCO D'ATRI     Nella confusione mediatica e...