SPILLO/ Il puzzle che mostra come la grande finanza si nutre dell’Italia

L’euro vive, con la garanzia implicita delle riserve auree italiane, e la grande finanza internazionale può ancora sfruttare l’indebitamento del nostro Paese

GIANFRANCO D’ATRI

 

 

Nella confusione mediatica e politica, e in assenza di una volontà di indirizzo sulle scelte economiche e istituzionali da parte del Governo o del Parlamento, opera una piena “restaurazione” del controllo sull’economia, sulla finanza e sulle regole. I vari tasselli del puzzle devono essere fatti combaciare per vedere il disegno globale e, pertanto, risulta opportuno sorvolare sui dettagli, pur rilevanti, che però ci porterebbero ad aggiungere rumore all’analisi.

E passiamo ai fatti-segnale, che conviene elencare:

– assoluzione dei funzionari del Tesoro e di Morgan Stanley nel processo d’appello alla condanna da parte della Corte dei Conti per oltre 3 miliardi;

– nomina del nuovo direttore generale di Banca d’Italia;

– abbandono, di fatto, della proposta di nazionalizzazione di Banca d’Italia;

– approvazione da parte del Senato di una mozione annacquata sulla proprietà delle riserve auree;

– depotenziamento della Commissione di inchiesta sulle banche.

A questi va aggiunto il non-fatto di fondo: non si parla più di lasciare l’euro. I paladini dei vantaggi del no-euro sono stati ragionevolmente commissariati dal loro capitano, che fiuta il vento contrario dell’elettorato sul tema.

Esiste poi un denominatore comune: Mario Draghi. Probabilmente dovrà essere chiamato a salvare l’Italia, non appena la situazione economico-finanziaria esploderà, oppure, semplicemente tornando in Goldman Sachs, potrà favorire il sostegno della finanza internazionale a un nuovo Governo tecnico. 

In ogni caso, l’obiettivo è garantire il mostruoso flusso di risorse verso il sistema finanziario costituito dagli interessi sul debito pubblico e il costo dei derivati, circa 70 miliardi annui. Solo l’assoluzione di Cannata, Siniscalco, Grilli e La Via consente ora di non preoccuparsi di una possibile estensione delle responsabilità a chi dirigeva il Tesoro al tempo dei fatti. Rimane, come un dettaglio, la conferma processuale che i dirigenti non conoscessero la portata dei contratti capestro firmati.

La nomina di Panetta, senza il cambiamento annunciato della governance di Banca d’Italia, ne assicura l’indipendenza dal Governo: principio importante in democrazia per la Banca centrale di una nazione, ma il nostro ente non è più istituto d’emissione. L’attuale assetto giuridico ne garantisce il controllo improprio a Intesa Sanpaolo e UniCredit, un riferimento certo per il sistema finanziario.

A questo punto, la proposta di legge di nazionalizzare l’Istituto e ricondurne il patrimonio in ambito – si direbbe oggi – sovrano è stata, di fatto, lasciata cadere affidando solo a una generica mozione di principio del Senato l’affermazione che l’oro delle riserve è degli italiani. Ma tant’è, Draghi ha precisato – invero ha ambiguamente ribadito – che l’oro può essere gestito unicamente in accordo con la Bce.

Ricordiamo, però, che come conferimento – virtuale, perché parte delle riserve si trova all’estero – i trattati europei assegnano al fondo comune solo un mero 7% delle 2.400 tonnellate. Non è più in agenda argomentare, come ha fatto su questo quotidiano Mario Esposito, che la legge di privatizzazione della Banca d’Italia, a suo tempo fortemente contrastata dai 5 Stelle, andrebbe valutata nel suo profilo di incostituzionalità.

E infine, l’anomala levata di scudi a difesa del sistema bancario, in occasione della nomina della Commissione d’inchiesta sulle banche, da parte persino del mite Mattarella, ha definitivamente sancito che se si toccassero davvero i fili si morirebbe. E questo hanno capito, evidentemente, Salvini, Bagnai, Di Maio, i quali forse lasceranno a un isolato Paragone il compito di individuare dei capri espiatori, ma non certo far emergere verità scomode.

L’importante è che l’euro viva, abbia la garanzia implicita delle riserve auree italiane e che la grande finanza internazionale possa sfruttare l’indebitamento italiano ancora per gli anni a venire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

L’articolo di Gianfranco d’Atri è altresì disponibile sul quotidiano ilsussidiario.net al seguente link:

SPILLO/ Il puzzle che mostra come la grande finanza si nutre dell’Italia

other posts

No Image
Posted by webStation | 15 February 2019
SPILLO/ I punti deboli di Bankitalia scoperti dal Governo
Le norme che regolano attualmente la Banca d’Italia sono il motivo della sua debolezza di fronte agli attacchi apparentemente disordinati del Governo GIANFRANCO D'ATRI   “Sagrestia, censore, governatore, direttorio”, termini...
Posted by Cinzia Lattari | 29 June 2018
Risolviamo l’emergenza migranti grazie alla Blockchain
JACOPO BERTI Entriamo in un supermercato, prendiamo dagli scaffali quello che ci serve, arriviamo alla cassa, bip, bip, bip… e nessuno ci chiede soldi. Ci viene chiesto invece di aprire...
Posted by webStation | 10 May 2018
Blockchain: strumento di democrazia diretta o congegno per instaurare la “repubblica degli informatici”?
Per il ciclo di incontri “i Mercoledì di Nexa” (ogni 2° mercoledì del mese) 108° Mercoledì di Nexa Blockchain: strumento di democrazia diretta o congegno per instaurare la “repubblica degli...